Crea sito

FERMO AMMINISTRATIVO AUTO

Come contestarlo

IL FERMO AMMINISTRATIVO è una delle azioni più invasive da parte dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione

Avere l’auto bloccata può portare a gravi problematiche soprattutto incidere sul proprio lavoro.

E’ bene sapere che l’autovettura adibita all’attività lavorativa di una società non può mai essere oggetto di fermo amministrativo.

Nonostante ciò, spesso l’Agenzia delle Entrate Riscossione procede comunque al fermo del veicolo costringendo il contribuente ad agire in giudizio per la rimozione della misura invasiva.

La Commissione Tributaria Provinciale di Roma con la sentenza n. 7067/9/2021 ha dichiarato l’illegittimità del fermo amministrativo e ne ha disposto l’immediata cancellazione, in quanto la società contribuente ha adeguatamente documentato la strumentalità del veicolo all’attività dell’impresa.

L’importante è dimostrare la funzionalità del bene con i servizi resi dall’azienda.

Anche la Commissione Tributaria Regionale del Lazio ha valorizzato la circostanza che il bene sottoposto a fermo fosse l’unica auto disponibile: «… avendo la ricorrente dimostrato che il bene oggetto di fermo era un bene strumentale (con l’iscrizione dello stesso nei registri contabili), il Concessionario non poteva assolutamente iscrivere il fermo amministrativo sull’unica auto utilizzata per l’attività professionale » (CTR Lazio, 28 aprile 2016, n. 2482; nello stesso senso anche CTP Frosinone, 1 dicembre 2016, n. 870). Sulla medesima linea, si è ritenuto non possa costituire oggetto di fermo «… l’unico autoveicolo in possesso del ricorrente » in quanto « strumentale alla propria professione di avvocato che può prevedere frequenti ed imprevedibili spostamenti sul territorio per lo svolgimento della propria attività » (CTP Perugia, 10 febbraio 2015, n. 40; CTP Napoli, 6 dicembre 2016, n. 20789).

Ora, tutte le sentenze in commento prendono a riferimento UNA delle eccezioni che possono essere sollevate nel corso di un giudizio avente ad oggetto un fermo amministrativo, ma altre eccezioni possono ben essere fatte valere, ciò dipende dal caso concreto.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI SULL’ARGOMENTO

https://www.avvocatodandrea.com/category/agenzia-entrate-equitalia/

Studio D’Andrea Società tra Avvocati

Via Philips n. 12 – 20900 – Monza (MB)

Tel.-  039.5965039  –

studio@avvocatodandrea.com